LA RIVELAZIONE DELLE ONDE GRAVITAZIONALI

COMUNICATO STAMPA
* CONFERENZA DI STAGIONE – ESTATE 2016 *
LA RIVELAZIONE DELLE ONDE GRAVITAZIONALI
Un nuovo modo di osservare l’universo
GIOVEDÌ 21 LUGLIO 2016 – ORE 21.00 – INGRESSO LIBERO
Biblioteca regionale “Bruno Salvadori” di Aosta, via Torre del Lebbroso 2
Relatore: Prof. Fulvio Ricci
Dipartimento di Fisica – Università di Roma Sapienza.
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – sezione di Roma, Coordinatore della collaborazione internazionale VIRGO
Introduce: Prof. Enzo Bertolini
Direttore dalla Fondazione Clément Fillietroz-ONLUS
Modera: Dott. Albino Carbognani
Ricercatore all’Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta

È la scoperta scientifica dell’anno: la prima rivelazione delle onde gravitazionali, previste nel 1915 da Albert Einstein con la teoria della Relatività Generale e osservate esattamente 100 anni dopo. L’annuncio è stato dato lo scorso 11 febbraio in maniera congiunta dai ricercatori delle due maggiori collaborazioni scientifiche al mondo in questo campo: LIGO, con base negli Stati Uniti, e la collaborazione a guida italiana VIRGO, presso il consorzio italo-francese EGO in Toscana.
I grandi successi dell’astrofisica sono principalmente legati alla rivelazione delle onde elettromagnetiche provenienti dal cosmo, dalla luce alle onde radio, fino ai raggi X e gamma. Rispetto a queste, le onde gravitazionali permettono di osservare zone invisibili ai telescopi, per esempio ciò che si nasconde nelle dense regioni centrali delle galassie, e di indagare fenomeni estremi come la collisione di buchi neri, le esplosioni stellari delle supernovae, la rotazione delle stelle di neutroni, anche quando avvengono a miliardi di anni luce di distanza.
La conferenza, tenuta da un protagonista della ricerca, illustra in modo divulgativo che cosa sono le onde gravitazionali, le caratteristiche dei complessi apparati sperimentali realizzati per misurarle, infine il contributo che le recenti scoperte possono dare per lo sviluppo di un nuovo modo di osservare l’universo: l’astronomia “multi-messaggera”.
Fulvio Ricci, Professore Ordinario del raggruppamento Fisica Sperimentale della Sapienza Università di Roma, membro della sezione di Roma dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è tra i maggiori esperti al mondo di gravitazione sperimentale e di sistemi di rivelazione di onde gravitazionali. Al suo attivo ha circa 300 pubblicazioni su riviste internazionali. Dal 2006 al 2008 è stato membro del Program Advisory Committee del progetto statunitense LIGO. Dal 2014 fa parte del direttorato LIGOVIRGO, che coordina l’attività di un migliaio di scienziati distribuiti in quattro continenti, e del Gravitational Wave International Committee, che pianifica lo sviluppo di questo settore di ricerca. Per la prima rivelazione delle onde gravitazionali, che l’ha visto tra i responsabili della ricerca, ha vinto la Medaglia della Sapienza a livello nazionale e il Premio Breaktrough in campo internazionale.
L’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) è l’ente pubblico nazionale di ricerca dedicato allo studio dei costituenti fondamentali della materia e delle leggi che li governano. Svolge attività di ricerca, teorica e sperimentale, nei campi della fisica subnucleare, nucleare e astroparticellare, in stretta collaborazione con il mondo universitario italiano, sulla base di consolidati e pluridecennali rapporti, e in un ambito di competizione internazionale. La ricerca fondamentale in questi settori richiede l’uso di tecnologie e strumenti di ricerca d’avanguardia che l’INFN sviluppa sia nei propri laboratori sia in collaborazione con il mondo dell’industria. L’INFN è inoltre impegnato in attività di trasferimento tecnologico, con lo sviluppo di tecnologie e applicazioni di pubblica utilità, e di trasferimento delle conoscenze attraverso iniziative editoriali e la realizzazione di esposizioni interattive ed eventi per il pubblico. Sito web: www.infn.it
La Conferenza di stagione – Estate 2016 è organizzata con il supporto dell’Ufficio Comunicazione INFN.
Le Conferenze di stagione sono un appuntamento del progetto culturale della Fondazione Clément Fillietroz-ONLUS, che gestisce l’Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta e il Planetario di Lignan.
Si ringrazia la Biblioteca regionale “Bruno Salvadori” di Aosta per la preziosa collaborazione.

CONTATTI:
La Fondazione Clément Fillietroz-ONLUS può essere contattata:
Telefonicamente al numero 0165770050, nei seguenti orari: lunedì ore 14.00-16.00, martedì-venerdì non festivi 9.30-12.30 e 14.00-16.00, sabato 9.30-12.00

Per posta elettronica: info@oavda.it

Tramite il sito web: www.oavda.it

Attraverso la pagina Facebook: www.facebook.com/osservatorioastronomicovalledaosta

Locandina

Locandina Einstein