Cultura e turismo

Image is not available
Image is not available
Image is not available
Arrow
Arrow
Slider

 

Issogne è una comunità ricca di storia e di iniziative culturali, animate nel corso dell’anno dalla biblioteca comunale e da una serie di associazioni che riuniscono gli elementi della popolazione più attivi.
La lunga storia della comunità inizia almeno all’epoca romana, alla quale appartengono i resti di un edificio che si trovava nella zona dell’attuale castello.
Nel Medioevo, il vescovo di Aosta vi edificò una torre, sul finire del XIV secolo trasformata nella splendida dimora oggi visitabile. Al centro della corte è collocata la particolarissima fontana del melograno in ferro battuto, mentre le pareti del cortile sono interamente decorate a soggetto araldico e lunette del porticato sono affrescate con scene di vita del tempo. La cappella, la camera “dei re di Francia” e la sala di giustizia, sono gli ambienti più preziosi di un edificio che raggiunse il massimo splendore al tempo del conte Renato di Challant (†1565).
Ma Issogne non è solo il castello.
Di una certa importanza storica sono anche la cappella del Saint-Suaire, ai piedi della salita che porta al castello, del quale costituiva una pertinenza, la chiesa di Saint-Solutor, in località Fleuran, con la facciata interamente affrescata nel XV secolo e la settecentesca chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta.
La comunità è molto legata alle proprie tradizioni. Con i suoi prodotti tipici, quali la piata (un dolce a base di pane integrale, burro, mele, noci e uvetta), i tradizionali fuochi di S. Pietro e Paolo, l’antico gioco dei palet, le feste patronali dei villaggi e la magica atmosfera del presepio vivente proposto durante la Messa di Mezzanotte, Issogne è pronta ad accogliere tutto l’anno l’ospite che bussa alla sua porta.